Perché Sì

Fatti e opinioni a sostegno del Sì ai referendum

Guido Vitiello

Un millimetro al giorno nella direzione giusta, amava dire Marco Pannella. Per trent’anni la questione giustizia ha percorso chilometri nella direzione sbagliata.
Leggi tutto »

Iuri Maria Prado

Bisognerebbe domandarsi perché no. Perché i quesiti di referendum sono mal combinati? Se pure fosse vero, questo non basterebbe a giustificare il voto contrario.
Leggi tutto »

Lorenzo Zilletti

È giusto dire che i sei quesiti referendari non riusciranno -da soli- a cambiare tutto questo. È certo, però, che senza il loro successo continueremo per tanti altri anni a sentire gli stessi discorsi.
Leggi tutto »

Sofia Ventura

Il pacchetto referendario rimette comunque al centro temi che fanno esattamente la differenza tra una giustizia giusta, in cui avere fiducia e una giustizia ingiusta, di cui avere paura. 
Leggi tutto »

Carmelo Palma

I referendum promossi dal Partito Radicale rappresentano una occasione fondamentale per riportare il dibattito sulla giustizia entro i canoni di una civiltà giuridica alternativa a quella del populismo penale e del punitivismo ideologico.
Leggi tutto »

Giuliano Cazzola

Sostenere i referendum è una battaglia giusta, di libertà. Anzi potremmo addirittura affermare che è una causa da portare avanti nell'interesse stesso della magistratura.
Leggi tutto »

Alessandra Senatore

Sei volte Sì: per ancorare il potere giudiziario ai principi costituzionali, per valorizzare la giustizia come servizio per tutti e non come potere di qualcuno.
Leggi tutto »

Damiano Aliprandi

I quesiti referendari pongono una questione urgente. Bisogna fare in modo che il cittadino non rimanga impotente di fronte agli abusi di qualsiasi potere. Compreso quello giudiziario.
Leggi tutto »

Luca Bisconti

I referendum sono da un certo punto di vista la mappa dei principali problemi della giustizia italiana. Meritano attenzione e sostegno nel loro complesso, come avvio di un processo di riforma necessario e pesantemente avversato sul fronte politico e giudiziario.
Leggi tutto »

Ariela Briscuso

Un sì ai sei referendum sulla giustizia può e deve essere un primo passo perché la concezione dell’amministrazione della giustizia non sia quella della giustizia come potere, ma come diritto.
Leggi tutto »

Giuseppe Portonera

Se il Parlamento non agisce, è bene che il popolo italiano – nel cui nome la Giustizia viene amministrata – si assuma direttamente la responsabilità dell’azione.
Leggi tutto »

Stefano Leanza

Se questi referendum andranno al voto e saranno approvati dai cittadini italiani non si potrà certo festeggiare la fine di ogni problema, ma sicuramente l’inizio di qualche soluzione.
Leggi tutto »

Carlo Machirelli

Il vero successo dell’iniziativa referendaria è quello di aver riportato sul tavolo istituzionale la urgente necessità di discutere di temi di cui la politica si è troppo spesso disinteressata, favorendo quindi un approccio riformatore quanto più organico e sistematico possibile.
Leggi tutto »
Top linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram